Domande Frequenti

Generale

Come riportato nel best seller Amazon “Fintech, Web Marketing, Crowdfunding” scritto dal nostro Ceo Augusto Vecchi, il crowdfunding sempre più spesso viene utilizzato come uno strumento di marketing. Dunque non solo una formula finanziaria per raccogliere capitali, ma una parte protuberante di una strategia di comunicazione che mira a far conoscere il progetto e il brand dell’azienda proponente. Quindi, i vantaggi di una campagna di crowdfunding sono molteplici: - Raccolta di capitale - Testare un prodotto o sondare un’iniziativa - Catturare l’attenzione di utenti/investitori difficilmente raggiungibili - Dare visibilità all’impresa o al proponente.
Come abbiamo già avuto modo di scrivere, Italy Crowd Srl è stata la prima a portare il crowdfunding immobiliare in Italia, dunque abbiamo una lunga esperienza nel settore. Ma il segno che contraddistingue la nostra attuale piattaforma è l’assoluta trasparenza e la sicurezza attraverso la blockchain. Ovvero i nostri dati, oltre ad essere pubblici, non possono essere manomessi da nessuno.
L'equity crowdfunding si basa sullo scambio tra quote azionarie e capitali. Questa formula è generalmente utilizzata per lanciare un prodotto o rafforzare la società con ingresso di nuovi soci. Il social lending o P2P (Peer to peer) è un prestito tra privati, infatti è la formula adottata a chi cerca liquidità.
Considerato il crescente interesse degli investitori verso il Peer to peer (Prestito tra privati) immobiliare, che ha portato il comparto del lending crowdfunding a sorpassare quello dell’equity crowdfunding, da marzo 2020 anche Italy Crowd offre agli utenti la possibilità di fare investimenti con la formula lending (P2P).
Tutti i progetti vengono analizzati, studiati e verificati da un gruppo di esperti del settore (interni o esterni al board di Italy Crowd) che validano la pubblicazione sulla piattaforma. Abbiamo come partners: Swiss Crowd SA, il Gruppo Astebook e consolidate imprese di costruzioni (in grado di supportarci nei casi più complessi). Analizziamo i progetti da un punto di vista tecnico-economico e valutiamo la solidità finanziaria del proponente. L’obiettivo é quello di proporre sulla piattaforma esclusivamente progetti solidi dal punto di vista finanziario e trasparenti mediante la tecnologia blockchain.
La durata dei nostri progetti immobiliari può variare da 1 a 2 anni. La durata è ben specificata nella presentazione di ogni singola iniziativa immobiliare.
Qualsiasi società che dispone di un progetto immobiliare o desidera sviluppare un'iniziativa immobiliare, può inviarci una proposta, che sarà da noi valutata gratuitamente. Dunque il nostro servizio è disponibile per: - Imprese di costruzioni - Società pubbliche - Sviluppatori di progetti - Agenzie immobiliari - Fondi di investimenti.
Inizialmente sono necessarie informazioni semplici riguardanti il progetto, ovvero: - Business plan (pdf) - Planimetrie (pdf) - Immagini (jpeg HD). In seguito se ritenuto interessante: - Visura camerale - Ultimi bilanci - Struttura finanziaria del progetto - Maggiori dettagli del progetto - Redering
Italy Crowd opera come Agente di pagamento (n° 86982 REGAFI) dell’Istituto di pagamento francese Lemon Way SA, riconosciuto da Banca d’Italia. Le transazioni sono dunque eseguite e garantite da Lemon Way.
Creato il tuo portafoglio digitale (wallet) e ricaricato tramite bonifico bancario o carta di credito, sarai pronto per investirlo in uno o più progetti. La transazione dell’investimento passa dal tuo wallet ad un conto escrow, congelato, intestato alla società proponente, ma tutelato e gestito dall’Istituto di Pagamento Lemon Way. Solo al termine della campagna e se verrà raggiunto l’obiettivo prefissato, Italy Crowd autorizzerà a Lemon Way lo sblocco del conto del Proponente, che potrà disporre del capitale raccolto per la realizzazione del progetto. Alla scadenza prefissata il Proponente pagherà gli interessi (ROI) e restituirà il capitale inizialmente versato agli investitori.

Investitori

Gli interessi pagati dalle società proponenti agli investitori Italy Crowd, subiranno una ritenuta alla fonte del 26%, secondo la vigente normativa fiscale italiana. Tali proventi andranno poi riportati in fase di dichiarazione dei redditi. I proventi derivanti da attività di Lending Crowdfunding percepiti tramite Italy Crowd sono considerati “redditi da capitale”. Quindi andranno a concorrere alla definizione del reddito del contribuente tassato secondo gli scaglioni IRPEF per le persone fisiche o IRES per le aziende. Esempi: 1) Il soggetto che riceve le somme in prestito (Società Proponente), fungerà da sostituto d’imposta operando una ritenuta del 26% a titolo d’acconto nei confronti delle persone fisiche ed enti non commerciali residenti in Italia. 2) I proventi percepiti dai prestiti effettuati da persone fisiche possono essere inseriti tra i redditi di capitale e soggetti alla ritenuta del 26%, l’utente che li ha ricevuti dovrà verificare la necessità di un conguaglio fiscale in sede di dichiarazione dei redditi in base al proprio scaglione. 3) Se l’avente diritto all’interesse è, a sua volta, un’impresa residente in Italia non si applicherà alcuna tassazione alla fonte. 4) Ai proventi percepiti dai prestiti effettuati da persone fisiche residenti all’estero verrà applicata dalla Società Proponente in qualità di sostituto d’imposta la percentuale di ritenuta definita nella Convenzione contro le doppie imposizioni, stipulata tra lo Stato Italiano e lo stato estero di residenza dell’utente investitore. Ti consigliamo di verificare la tua posizione, direttamente con il tuo commercialista.
Anche se gli investimenti immobiliari si caratterizzano per un rischio ridotto, si può verificare che un Proponente non ripaghi il proprio debito. Essendo il contratto sottoscritto con il Proponente regolato dalla Legge Italiana e se questo non venisse rispettato, oltre agli interessi di Mora preventivamente stabiliti, verranno attuate azioni legali nei confronti del Proponente stesso.